Nibirumail Cookie banner

Sede Udine più Altre sezioni.

33100 Udine.

Via Via Marchetti 46

Tel/Fax 0432 150 33 60

E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

"Lotta di Classe"

www.lottadiclasse.info

(in fase di nuova elaborazione)

Strage a Rovigo.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

COMITATO 5 APRILE


Due operai e il conducente dell'autocisterna sono morti sul colpo per le esalazioni tossiche. Un quarto cadavere è rinvenuto mentre i vigili del fuoco bonificavano l'area. Un quinto dipendente dell'azienda, che tratta rifiuti industriali, è ricoverato in gravi condizioni.

Strage a Rovigo: quattro operai morti per esalazioni di sostanze chimiche

Quattro operai morti e uno ferito in modo grave nell'incidente che si è verificato  in provincia di Rovigo, in una fabbrica che si occupa del trattamento dei rifiuti industriali. La ditta Co.Im.Po ha sede ad Adria. Le vittime sono due operai e il conducente del mezzo. I vigili del fuoco, dopo aver bonificato il luogo dell'incidente hanno recuperato il corpo di un quarto operaio. Un quinto operaio è rimasto gravemente ferito per le esalazioni. Restano invece stabili, e gravi, le condizioni dell'uomo trasportato in ospedale. La morte immediata degli operai sarebbe stata provata dall'intossicazione da sostanze chimiche nocive,...

.... L'incidente sarebbe avvenuto durante una fase di travaso degli acidi mentre gli operai e l'autista del camion si trovavano davanti alla vasca dei reflui, un impianto a cielo aperto di circa quaranta metri per trenta. Una delle vittime è stata trovata a circa 100 metri di distanza dalla vasca, sopraffatta mentre tentava di fuggire. Secondo il comandante, la nube si è formata da un mix di acidi - acido solforico ed ammoniaca - che vengono impiegati nel trattamento dei reflui industriali per renderli inerti.

Leggi tutto: Strage a Rovigo.

 

ILVA Taranto. Informativa Slai sindacato di classe.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Documento dello slai cobas per il sindacato di classe ilva taranto

Lo Slai cobas, come ha dichiarato, sta procedendo ad un'inchiesta parallela per appurare le circostanze effettive che hanno provocato la morte in Ilva del lavoratore Angelo Iodice, sia per inchiodare le responsabilità della direzione Ilva e dell'azienda Global Service sia per individuare le responsabilità aggiuntive delle OO.SS. presenti in azienda, Rls - che per noi sono decisive nella lotta per la sicurezza in fabbrica; sia, infine, per ribadire i punti della nostra piattaforma che, nonostante silenzi, ostracismi da parte di tutti, compreso Usb e Liberi e pensanti, è l'unica alternativa e soluzione parziale alla tutela delle condizioni di lavoro e di vita nei reparti, in generale e in particolare in questa fase:

- una postazione ispettiva permanente all'interno dello stabilimento, che faccia da deterrente verso l'azienda, che permetta a operai e rappresentanti sindacali di denunciare direttamente e pretendere un intervento immediato e che agisca, proprio perchè all'interno della fabbrica, sotto il controllo operaio;

- Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza in numero sufficiente per controllare effettivamente i reparti, eletti fuori dalle liste sindacali, ma dai lavoratori su scheda bianca, e revocabili, con potere di blocco degli impianti e blocco legittimo dei lavoratori;

- un azzeramento degli accordi sindacali in questa materia che permetta di ricontrattarli, area per area, potenziando gli organici...

 

SULLE CIRCOSTANZE DELL'INFORTUNIO

 

Ci attendiamo che Procura (Sebastio) e organi ispettivi siano coerenti con l'impegno assunto, di chiarire le responsabilità in tempi brevissimi.

Dalle nostre informazioni segnaliamo, in aggiunta a quelle già indicate anche su articoli di stampa, tre problemi:

 

Primo, era compatibile che ci fosse un mezzo in movimento mentre operai e il povero Iodice comunque operavano o dovevano passare sui binari? Dato che, come sembra accertato, il guidatore del mezzo non era in condizione di vedere queste altre presenze?

 

Secondo. Era o non in funzione il segnalatore acustico che potesse realmente segnalare l'arrivo del mezzo a chi era o transitava sui binari? E che razza di "segnalatore acustico" è, se in presenza di rumore permanente esistente nella zona, esso anche se è in funzione non si può sentire?

 

Terzo. Ancora una volta, come è nel reparto Mof, segnaliamo che per i mezzi che transitano sui binari serve costantemente una doppia persona, una alla guida e una al controllo, altrimenti costantemente quando questi mezzi sono in movimenti il rischio di incidenti è alto. Azienda e accordi sindacali hanno in generale escluso questa doppia presenza, e, quindi, sono responsabili degli incidenti che avvengono in questo campo; e il ripristino o la creazione di una doppia presenza - già posta ai tempi della lotta del Mof - è un'esigenza immediata per cui lottare.

 

Nelle circostanze di questo incidente non possono poi essere trascurati altri fattori.

Non dimentichiamo mai che è avvenuto mentre si stava riparando i binari per effetto di un altro gravissimo incidente, per fortuna senza conseguenze per gli operai, avvenuto pochi giorni prima, che testimonia lo stato di generale pericolo e insicurezza che si vive nello stabilimento, che mette a rischio comunque gli operai.

Leggi tutto: ILVA Taranto. Informativa Slai sindacato di classe.

 

La LOGISTICA in LOTTA!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

21 SETTEMBRE 2014 ORE 15 ASSEMBLEA NAZIONALE

DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI

DELLA LOGISTICA IN COLLEGAMENTO

DA OGNI CITTA'

IN  VIDEOCONFERENZA

 

PUNTI DA  SOTTOPORRE  ALLE ASSEMBLEE DEL 21 SETTEMBRE PER  RILANCIARE UN MOVIMENTO DI LOTTA A LIVELLO NAZIONALE PER  PORTARE A COMPIMENTO LA BATTAGLIA AVVIATA A MARZ0 DELLO SCORSO ANNO  PER LO SMANTELLAMENTO DEL SISTEMA DI SFRUTTAMENTO FONDATO SULLE COOPERATIVE E SULLA FIGURA DEL SOCIO LAVORATORE.

PREMESSA:

In questi ultimi mesi, in risposta al movimento di lotta che ha sconquassato il sistema di sfruttamento di tipo quasi schiavistico presente nel comparto della logistica, fondato su una perfetta simbiosi tra sindacati confederali, cooperative e committenti, la parte padronale più “avanzata” dei committenti ha cercato di correre ai ripari, per far recuperare terreno ai sindacati confederali, firmando accordi che si prefiggono lo scopo di annullare le conquiste ottenute (importanti accordi di secondo livello da noi sottoscritti a livello delle più importanti filiere della logistica) in cambio dell'assunzione diretta dei facchini da parte del committente.

Leggi tutto: La LOGISTICA in LOTTA!

   

Giovanni e Nori, una storia di amore e di resistenza

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Martedì 2 settembre - La Rocca

Presentazione del libro

"Giovanni e Nori, una storia di amore e di resistenza"

con l'autore Daniele Biacchessi.


L'evento prevede anche un aperitivo allestito dall'organizzazione.

Promotori dell'evento:

ANPI Savona sezione Bevilacqua-Garelli, Circolo FIAP Nicola Panevino Valbormida e Comitato Bombe di Savona.

Diffondere l'invito

 

 

Uno scudo Umanitario protegge i 17 palestinesi

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

https://pbs.twimg.com/profile_images/476759302498054149/hIUvsx5w_normal.jpegManu Abu Carlos @Manu_Abu_Carlos · 3 min

Acaban de alcanzar el hospital con 4 obuses de tanque, movilizaos, por favor

https://pbs.twimg.com/profile_images/476759302498054149/hIUvsx5w_normal.jpegManu Abu Carlos @Manu_Abu_Carlos · 7 min

URGENTEEEEEEE. Nos están atacando, movilizad lo que esté a vuestro alcance

https://pbs.twimg.com/profile_images/476759302498054149/hIUvsx5w_normal.jpegManu Abu Carlos @Manu_Abu_Carlos · 9 min

ATENCION, LLAMAMIENTO URGENTE DESDE EL HOSPITAL DE WAFA LA OCUPACIÓN HA LLAMADO AL Y HA DICHO QUE VA A ATACAR INMEDIATAMENTE

URGENT APPEAL FROM THE HOSPITAL WAFA: They just reach the hospital tank with 4 shells, Mobilise, please

APPEL URGENT DE L'HÔPITAL WAFA: ils atteignent seulement le réservoir d'hôpital avec 4 obus, Mobiliser, s'il vous plaît

 

Un escudo humanitario protege a los 17 palestinos del Hospital Al Wafa

http://www.oicpalestina.org/?p=17642

 

   

Pagina 7 di 14