No! Alla proposta dell'Azienda.

Stampa

CHE FINE HA FATTO L’URGENZA

DEL PREMIO PRODUZIONE!

 

Care/i colleghe/i, come ricorderete, l’11/11 u.s., 600 dipendenti Zètema su 774 (aventi diritto al voto) hanno detto la loro in merito la proposta di accordo sul Premio Produzione, presentata dall’Azienda al Tavolo RSU.

E la loro voce ha visto la maggioranza del NO.

La Commissione Elettorale ha trasmesso subito l’esito referendario all’azienda ed io, in qualità di RSU USI, il 12/11 chiedevo la convocazione urgente del Tavolo RSU per tornare a discutere il tema.

Venerdi 19/11, l’Azienda ha inviato la convocazione del Tavolo RSU per domani, 22/11/2021.

Peccato che nell’OdG non abbia trovato spazio la voce dei 600 dipendenti che hanno espresso il “si” e il “no”.

Su mio sollecito, la dr.ssa ............. (ricordiamo essere la consulente esterna scelta per le relazioni industriali) ha risposto che “… in particolare, vi è un’urgenza di risposta al Prefetto. Pertanto, sarà cura dell’azienda prevedere a stretto giro un tavolo dedicato al premio di produzione.”.

E’ evidente che le tematiche poste all’OdG (“Status Piano assunzionale” e “Adempimenti normative di salute e sicurezza”) siano di estrema importanza per tutti.

Trovo però INQUALIFICABILE non avere inserito nel medesimo OdG (del PRIMO TAVOLO POST REFERENDUM) la discussione tanto attesa da tutti sul Premio Produzione.

In qualità di RSU/USI ho inviato una risposta che condivido con tutte/i voi.

Sarà mia cura aggiornarvi sull’esito del Tavolo RSU.

Serenetta Monti (RSU/USI)

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Mail inviata alla dr.ssa .............. alle ore 19.55 del 21/11/2021

“Gentile dr.ssa ................., La ringrazio per il cortese e sollecito riscontro. Come avevo già evidenziato nella mia richiesta, sono perfettamente conscia dell'esigenza aziendale di dare riscontro al Prefetto di quanto richiesto dallo stesso. Non vedo però questa netta "separazione" che evidenzia Lei tra i due argomenti... Anche perchè, già gli argomenti di partenza sono due, "separati e distinti", semplicemente sarebbero diventati tre:

Le comunico sin da ora la mia disponibilità a discutere domani stesso il tema del Premio Produzione, a costo di fare notte. Ritengo che l'Azienda debba dare risposta a TUTTI i 600 dipendenti che hanno fatto sentire la propria voce attraverso il referendum.

Reputo, infatti, indispensabile che tutte le RSU che hanno inteso promuovere insieme il referendum, siano messe in condizione di rappresentare la voce dei colleghi SUBITO. Certa comprenderà ANCHE questa URGENZA (non solo quella, doverosa, di rispondere al Prefetto), attendo fiduciosa ulteriore riscontro.

Cordiali saluti.

Serenetta Monti