Nibirumail Cookie banner

Comunicati Roma

Farmacap. Convocazione .........

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA fondata nel 1912

Confederazione sindacale nazionale e federazioni locali intercategoriali

Segreteria provinciale e RSA/Rls USI- Azienda Speciale Comunale FARMACAP

ROMA -LARGO VERATTI 25 00146 FAX 06/77201444 e mail  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Roma, 13/11/2017

 

Comunicata in via preliminare, in attesa di convocazione ufficiale, DOPO PRESSIONI DA USI, LA CONVOCAZIONE DELLE COMMISSIONI CONSILIARI CONGIUNTE BILANCIO E POLITICHE SOCIALI SU FARMACAP, il 24 novembre 2017 ore 9, via del Tritone 142 (con invito al Commissario Straordinario Avv. Stefanori), come richiesto da Usi e Rsa Rls interna.

Non serviva l’esagerazione di “raffreddamenti dei conflitti, stati di agitazione e minacce di scioperi”, per ottenere tale obiettivo minimo….

 

E’ stata la buona pratica e il “pressing alto” fatto da Usi, anche il 9 novembre scorso all’Assemblea Capitolina in Campidoglio, dopo le sollecitazioni alla richiesta di convocazione scritta fatta il 7 ottobre 2017, a spingere il Presidente della Commissione Consiliare Permanente Bilancio, il consigliere Marco Terranova, a dare l’annuncio scritto della convocazione delle CC.CC.PP. sulla situazione di Farmacap, per il prossimo 24 novembre alle ore 9, presso la sede consiliare di via del Tritone 142.

 

La richiesta fatta dall’Usi, prevedeva anche la presenza del Commissario Straordinario avv. Angelo Stefanori, che è stato preavvisato di tale incontro, utile per sciogliere i nodi dell’orientamento e dell’indirizzo politico amministrativo di Roma Capitale, su assetto societario e futuro dell’Azienda Speciale Comunale FARMACAP.

 

Come confermato all’assemblea sindacale svoltasi il 19 ottobre, congiuntamente a Cgil, Cisl e Uil, la posizione di Usi è per il mantenimento della natura di azienda speciale comunale e non solo di azienda pubblica e basta (quindi siamo contrari al cambio e trasformazione in Società per azioni come ad eventuali scorpori di settori aziendali) e per il suo rilancio, facendo sviluppare in concreto  e non solo con dichiarazioni formali, il modello della “farmacia sociale” come polo socio-sanitario-farmaceutico nei quartieri di Roma Capitale, ridando forza ed energie per reggere il campo, anche in periferia, di fronte agli investimenti delle cordate economico finanziarie che gestiscono le farmacie private, quindi marcando la differenza tra le farmacie pubbliche e altri modelli “mercantili”, a favore degli utenti e della cittadinanza.

 

Per questo, è necessario un impegno ulteriore da parte di lavoratori e lavoratrici, per ottenere un preciso orientamento e indirizzo politico dell’Amministrazione Capitolina, anche di amministrazione dei finanziamenti e delle convenzioni in essere per il settore sociale, unita ad una programmazione (che prima o poi dovrà prevedere gli organi statutari normali, Presidente e Cda…) e pianificazione di interventi per rendere efficace ed efficiente, il lavoro delle farmacie pubbliche di Farmacap. Anche con la predisposizione di un piano di risanamento e di riorganizzazione “industriale” (compito dell’Azienda), con la partecipazione attiva e il contributo di chi lavora a Farmacap, in termini di proposte.

 

Un’ulteriore fase, delle iniziative di AUTODIFESA COLLETTIVA, che dovrà vedere protagonisti i dipendenti, in sintonia con le azioni di tutela, di proposta, da parte delle Organizzazioni Sindacali e delle rappresentanze sindacali interne, che sono da sempre schierate per questi obiettivi, evitando frammentazioni e divisioni tra profili professionali e settori di intervento nella Farmacap. Usi e Rsa Rls, invitano lavoratori e lavoratrici a non abbassare la guardia, a mantenere la necessaria solidarietà interna, a tenere attivo il livello di mobilitazione.

 

L’UNICA LOTTA CHE SI PERDE, E’ SEMPRE QUELLA CHE NON SI FA…

 

Rsa – Rls Usi di Farmacap e segreteria Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

(ATTIVO IL PUNTO INFOLAVORO/DIRITTI A LARGO GIUSEPPE VERATTI 25:

 

LUNEDI’ ore 17.30/19.30, MARTEDI’ ORE 18/20, informazioni e  consulenze gratuite)

 

 

Cultura. NESTOR MACHNO E LA RIVOLUZIONE ANARCHICA IN UCRAINA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Il Cineforum “La Settima Arte”

con la collaborazione della Camera del Lavoro autorganizzata

e della sezione USICONS  e dell’Associazione culturale ISIDE

presenta

SABATO 28 Ottobre 2017 ORE 18

presso lo spazio di Sentieri di Liberazione

e la Camera del Lavoro Autorganizzata Roma Sud Ovest

in Piazza Mosca 50

 

Nel primo centenario della rivoluzione contadina e libertaria nella cosiddetta Russia Meridionale, repressa nel sangue dai Bolscevichi, dibattito e proiezione del docu-film

NESTOR MACHNO E LA RIVOLUZIONE ANARCHICA IN UCRAINA

(1917-1921)

Di HélèneChâtelain, regista belga di famiglia russo-ucraina,  che attraverso inedite testimonianze attuali e rare immagini d’archivio, ricostruisce la figura di Nestor Ivanovic Machno, le vicende della Machnovš?ina (ucraino: ??????????), nota anche come Armata nera,e l’esperimento autogestionario realizzato in Ucraina da Machno.«Il carattere squisitamente libertario del movimento e lo spirito egualitario ed antiautoritario non potevano che scontrarsi con i metodi ed i progetti dei bolscevichi che piegarono il movimento dopo lunghi sforzi, nel 1921» (Errico Malatesta) .

 

Entrata  GRATUITA ….. A seguire apericena sociale con distribuzione a offerta libera di bevande non alcoliche e di “cibarie” varie

Per contatti: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

fax 06/77201444

Lo sportello info lavoro e diritti di Piazza Mosca 50  è  aperto ogni giovedì dalle 18 alle 20

(email : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. )

LARGO.VERATTI.25.ROMA

(sede anche del CAF gestito da USICONS – la mattina ed eventualmente il pomeriggio su appuntamento)

 

 

SCIOPERO Roma Multiservizi Spa Risorse per Roma Spa

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

UNIONE SINDACALE ITALIANA USI

Segreteria prov. intercategoriale della fed. di Roma

e sezioni sindacali Usi Roma Multiservizi Spa e Risorse per Roma Spa

LARGO VERATTI 25 - 00146 Roma Fax 06/77201444 Tel. 06/70451981 e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Roma, 13 Ottobre 2017

 

All’On. Sindaco di Roma Capitale Avv. Virginia Raggi Ufficio di Gabinetto 06 67103590 - 6784239

Alla Prefettura di Roma U.T.G. – c.a. Ufficio di Gabinetto del Prefetto 06 67294555

Alla Commissione di Garanzia per l’applicazione della L. 146/90 e s.m.i. 06 94539680 e e mail

Alle Direzioni del personale – RR.UU./Relazioni Sindacali  Industriali Società

Roma Multiservizi Spa e Risorse per Roma SpA – loro sedi via fax e e mail

Oggetto: proclamazione, SCIOPERO INTERA GIORNATA PER 27 OTTOBRE 2017, dopo esperimento negativo e infruttuoso con decorrenza termini, di procedura (attivata con nota Usi del 2 ottobre 2017) ex L. 146/90 e L. 83/2000, del tentativo preventivo di conciliazione di sciopero e raffreddamento del conflitto, da parte della confederazione Unione Sindacale Italiana, per TUTTO IL PERSONALE IMPIEGTIZIO, OPERAIO E TECNICO DELLE SOCIETA’ ROMA MULTISERVIZI SPA E RISORSE PER ROMA SPA. Settori interessati dall’astensione collettiva dal lavoro per l’intera giornata, tutto il personale (a qualifica e inquadramento operaio, impiegatizio e tecnico) utilizzato nelle Società Roma Multiservizi SpA e Risorse per Roma Spa.

Motivazioni dello stato di agitazione e dello sciopero: condizioni lavorative critiche (su orari di lavoro, organizzazione del lavoro negli appalti e convenzioni per conto di Pubbliche Amministrazioni o aziende, rispetto condizioni minime salariali previste dai CCNL di categoria), per opportune misure di garanzia dei livelli occupazionali e salariali personale impiegato, per carenza di formazione e aggiornamento con specifici corsi al personale in forza, per piena ed efficace tutela delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, degli ambienti di lavoro (secondo disposizioni normative di cui al D. Lgs. 81/2008, L. 300/1970 art 9 e art 2087 codice civile), per contrasto a scelte su piano di riorganizzazione e ristrutturazione delle aziende pubbliche, partecipate di primo e secondo livello, con impatto negativo e penalizzante per lavoratrici e lavoratori e per efficace e buon andamento servizi pubblici a utenti e cittadinanza, anche con procedure di bandi di gara attivati dall’Amministrazione capitolina e per servizi con altre P.Amm.ni e aziende erogati da Rms Spa (Scuola statale, Ater, Atac,  Ama…).

La Unione Sindacale Italiana in sigla USI, con la presente e per quanto indicato nell’oggetto della comunicazione, dopo aver infruttuosamente attivato con nota del 2 ottobre 2017, la procedura di tentativo obbligatorio preventivo di sciopero, ai sensi della L. 146/90  e della L. 83/2000 e della contestuale procedura di “raffreddamento del conflitto”, esperito negativamente con decorrenza dei termini previsti da legge in materia di sciopero, COMUNICA LA PROCLAMAZIONE DI SCIOPERO PER INTERA GIORNATA PER IL 27 OTTOBRE 2017, PER SOCIETA’ ROMA MULTISERVIZI SPA E RISORSE PER ROMA SPA. Settori interessati dall’astensione collettiva dal lavoro per l’intera giornata, tutto il personale ( a qualifica e inquadramento operaio, impiegatizio e tecnico) utilizzato nelle Società Roma Multiservizi SpA e Risorse per Roma Spa. Motivazioni dello stato di agitazione e dello sciopero condizioni lavorative critiche (su orari di lavoro, organizzazione del lavoro negli appalti e convenzioni per conto di Pubbliche Amministrazioni o aziende, rispetto condizioni minime salariali previste dai CCNL di categoria), per opportune misure di garanzia dei livelli occupazionali e salariali personale impiegato, per carenza di formazione e aggiornamento con specifici corsi al personale in forza, per piena ed efficace tutela delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, degli ambienti di lavoro (secondo disposizioni normative di cui al D. Lgs. 81/2008, L. 300/1970 art 9 e art 2087 codice civile), per contrasto a scelte su piano di riorganizzazione e ristrutturazione delle aziende pubbliche, partecipate di primo e secondo livello, con impatto negativo e penalizzante per lavoratrici e lavoratori e per efficace e buon andamento servizi pubblici a utenti e cittadinanza, anche con procedure di bandi di gara attivati dall’Amministrazione capitolina e per servizi di altre P.Amm.ni e aziende (Scuola statale, Ater)

La O.S.  Usi, intende rispettare i servizi minimi ed essenziali nei servizi e i contingenti di personale, secondo quanto è previsto dalla L 146/90 E 83/2000. Elenco personale comandato, da inoltrarsi a mezzo e mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Distinti saluti.

Per la segreteria provinciale intercategoriale della USI

per strutture sindacali di Roma Multiservizi Spa Risorse per Roma Spa

Prof. Giuseppe Martelli

 

   

FARMACAP. Il punto. Analisi sindacale.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Facciamo, insieme, il punto della situazione!

E’ necessario farlo, perché:

·         L’approvazione della legge sulla concorrenza, che permette anche alle società per azioni l’acquisizione delle farmacie, fino ad un massimo del 20% degli esercizi su base regionale, dà una forte spinta alla concentrazione di capitale privato e alla privatizzazione delle aziende pubbliche.

·         Non c’è nessun atto pubblico del Consiglio Comunale di Roma, che supera la delibera 13 del 2015 (che prevede la dismissione o la trasformazione in società per azioni della Farmacap) e ribadisca il mantenimento dell’Azienda Speciale per i prossimi anni.

·         Per rafforzare la richiesta urgente di una convocazione (effettuata dall’Usi il 7 ottobre), in seduta congiunta, delle Commissioni bilancio e politiche sociali del Consiglio comunale su Farmacap, con contemporanea richiesta d’intervento in Commissione dell’attuale Commissario Stefanori (le cui valutazioni sono previste nella delibera 53 del 28 settembre 2017), auspicando la presentazione di un piano industriale che escluda le ipotesi di trasformazione societaria della azienda e per evitare nuovi “pacchi di Natale” come è successo l’anno scorso, il 22 dicembre, con la “sottrazione” dell’asilo nido di via Bossi.

·         Per conoscere nel dettaglio il bilancio aziendale del 2016 (il Commissario ha riferito di un MOL (margine operativo lordo) di meno tre milioni di euro e di un utile d’esercizio a più 25.000, come gli indicatori economici principali per l’anno 2017.

·         Per la stipula di una accordo complessivo sull’organizzazione aziendale (comprensivo delle modalità dei trasferimenti), che faccia fronte alla carenza d’organico nelle farmacie e indichi un piano d’investimenti in strutture e mezzi aziendali; per la stipula di un accordo preliminare sui buoni pasto (arretrati e ripristino ordinario), l’assistenza sanitaria integrativa e la verifica dell’applicazione della polizza assicurativa legata ai rischi professionali.

 

ASSEMBLEA IL 19 OTTOBRE DALLE ORE 13.30 ALLE 15.30

(copertura assemblea ore 13-16, indetta anche da Usi)

PRESSO LA “SALA ROSI”, VIALE MANZONI 16.

RSA/RLS USI FARMACAP

 

USI Largo G. Veratti, 25 00146,

Roma fax 06/77201444, mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ,

sito nazionale www.unionesindacaleitaliana.eu

Ottobre 2017.

 

PUNTOINFOLAVORO per consulenze, informazioni gratuite per tutti i settori

A LARGO GIUSEPPE VERATTI 25

LUNEDI’ ORE 17.30-19.30; MARTEDI’ ORE 18-20

 

 

Reporter Zètema. Ottobre 2017

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Primo tavolo RSU… del “nuovo corso” a Zètema Progetto Cultura

A cura di RSU USI Soc. Zètema Ottobre 2017

 

Care/i colleghe/i, anche se in ritardo, un resoconto e un aggiornamento in merito al primo incontro, del “nuovo corso”,  tenutosi in data 4 ottobre u.s. alla Società Zètema Progetto Cultura srl. Tolte le cortesie istituzionali, di presentazioni reciproche con il dr. Remo Tagliacozzo, nuovo Amministratore Delegato (ndr subentrato dopo 19 anni circa ad Albino Ruberti),  l'introduzione ad alcune  problematiche di settore è stata fatta dalla sigla CGIL, con la delegata per la segreteria Valeria Giunta che ha messo l'accento sulla scadenza del contratto di servizio delle biblioteche e la necessità di adeguare i livelli dei nostri colleghi che vi lavorano; la scadenza relativa il passaggio del Teatro del Lido, come da delibera 126 (valevole anche per il MACRO) e la delibera 58/2014 che blocca le assunzioni, con relative conseguenze.

 

Il secondo intervento è stato quello di Serenetta Monti, unico intervento di Rappresentante sindacale interna in tutto l’incontro (ed è rimasto l'unico intervento effettuato da una RSU, perchè il resto sono stati fatti dagli altri componenti e funzionari delle segreterie delle OO.SS.).

E’ stato messo l'accento su un paio di settori, per motivi che si trascinano da troppo tempo:

 

  • area conservazione e rapporti deteriorati con il responsabile di settore;
  • alcuni problemi legati a giudizi del medico competente non corrispondenti alle patologie dei lavoratori e delle lavoratrici.

Per il settore “progettazione”,la Rsu Usi ha rilevato la carenza di valorizzazioni e progressioni interne, per il personale storico ex LPU (Polis).

 

E’ stata sottolineata, la preoccupazione legata all'applicazione del dettato della delibera di G.C. 126/2016, nella speranza che, per i colleghi e colleghe coinvolti,  non esistano dubbi sulla loro permanenza in Zètema. Su questo punto, il Dr. Tagliacozzo ha voluto ribadire in più occasioni quanto sia "bello" questo attaccamento dei lavoratori all’Azienda ed il lavoro svolto nel tempo dalle OO.SS. che lo ha consentito…

 

Purtroppo, in merito all'applicazione della delibera 126, un primo inciampo lo si è registrato proprio nelle ore successive l'incontro, quando, nonostante tutte le garanzie ricevute dal dr. Ruberti (il precedente A.D.), sulla permanenza delle unità di assistenza di sala presso il Teatro di Villa Torlonia, le stesse si sono ritrovate nella normale turnazione museale, perché venuto a mancare "l'affidamento" del servizio. Speriamo, che il resto degli impegni non faccia la stessa fine o che si possa risolvere positivamente anche questo. Per altre situazioni mi sono riservata di inoltrare le considerazioni per iscritto.

 

Subito dopo c'è stato l'intervento di Amedeo Gismondi per la segreteria UGL e lui ha messo l'attenzione su quali siano le intenzioni per migliorare i servizi, focalizzando l'età media (avanzata in alcuni casi ed in avanzamento comunque) dei lavoratori e sottolineando la situazione dell'assistenza di sala (evidenziandone l'importanza e rilevando che si tratti di lavoro anche alienante, vista la ripetitività). Gismondi, ha chiuso il proprio intervento con la richiesta se le deleghe aziendali fossero state già re distribuite ed a tale domanda, il Dr. Tagliacozzo ha risposto di non avere avuto tempo per formalizzare la redistribuzione e quindi ora le ha ancora tutte lui. Anche la UIL, con l'intervento di Pietro Costabile è tornata sulla rilevanza del tema del Contratto di servizio delle biblioteche, visti i tanti lavoratori coinvolti, mentre Giancarlo Cosentino per la CISL ha evidenziato che la “mission” di Zètema sta nel suo Contratto di Servizio e si traduce in meno progetti e solo servizi. Per l’articolazione dei singoli interventi delle altre sigle sindacali, ci saranno stati i rispettivi comunicati, rispetto a questo resoconto.

 

Come primo intervento, interlocutorio, la disponibilità all'ascolto dimostrata dal Dr. Tagliacozzo depone bene, affinchè ci sia una proficua collaborazione. Certo, va considerato che è intenzione anche dell'assessore di riferimento (ndr Luca Bergamo), rivedere proprio la “mission” aziendale con modifiche statutarie ed il fatto che il Dr. Tagliacozzo abbia chiesto un altro mese (su domanda specifica di Usi in merito a un calendario di incontri, ha detto di volerci rivedere a novembre) prima di un altro incontro, non rende tranquilli noi dipendenti.

 

Pertanto, come RSU/USI, oltre che presentare il "mio/nostro" cahier des dolèances, solleciterò affinchè il prossimo incontro possa avvenire prima in modo da poter predisporre un calendario di appuntamenti, utile a risolvere le diverse problematiche in essere, sopratutto quelle di vecchia data e  verificare con le Rsu Usi delle Biblioteche comunali, la vicenda del Contratto di Servizio.

Restate connessi, stay tuned.

 

Serenetta Monti (RSU/USI Soc. Zètema P.C. srl)

 

   

Pagina 12 di 23