Nibirumail Cookie banner

Comunicati Milano

Si alla libertà di espressione e di Informazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 

 

Richiesta di ritiro di querela e provvedimenti disciplinari

contro la libertà di espressione


 

 

La notizia della querela deliberata dalla Giunta del Comune di Milano nei confronti del giornalista Gianni Barbacetto dopo la messa in onda della trasmissione televisiva Farwest di Rai3 delle scorse settimane, non può lasciarci indifferenti come lavoratori del Comune di Milano e come delegati sindacali che tra i primi loro compiti hanno la difesa della Democrazia e della Costituzione.

 

Ad essa è seguita nei giorni scorsi, la possibilità che una collega della Direzione Formazione possa ricevere un provvedimento disciplinare dopo alcune dichiarazioni critiche verso l’Amministrazione, riprese da un quotidiano.

 

Sebbene riconosciamo quanto il messaggio lanciato dal noto giornalista, in particolare per mezzo di una vignetta, con l’attenuante del tono satirico ma con l’aggravante dell’aver fomentato vecchi e mai morti luoghi comuni, sia stato fuori luogo e poco rispettoso dell’operato dei lavoratori dell’ente, non condividiamo l’uso intimidatorio della querela. E’ un atto di censura che male si accompagna alla storia del Comune di Milano, faro di progresso, indipendenza e civiltà per tutto il paese sin dalle prime lotte risorgimentali, dalle Cinque giornate sino ai moti contro il carovita del 1898, alla Resistenza e al Movimento operaio e studentesco. Atto di censura che, ad occhi terzi e maliziosi, potrebbe anche far pensare ad una coda di paglia.

 

Anche il tempismo di tale scelta, quando l’eco delle notizie sulle indagini che riguardano decine di pratiche dello Sportello Unico per l’Edilizia si stava assopendo e durante la difficoltosa elaborazione delle disposizioni governative riguardanti il Condono Edilizio, rischia di rinfocolare polemiche e contrapposizioni nefaste per il clima già pesante che si respira negli uffici.

 

Tale decisione che segue una logica repressiva della libertà di espressione già messa in atto nel nuovo Codice di Comportamento è contraria a principi fondanti la Costituzione sanciti dall’art. 21 “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure”.


Il grande rilievo mediatico offerto al giornalista dalla querela inoltre, non solo amplifica la diffusione dei suoi scritti e delle vignette satiriche che li accompagnano, spesso lesive nei confronti dei nostri uffici, ma acuisce ancor di più la frattura tra parte della popolazione milanese e la credibilità dell’operato professionale dei lavoratori della Direzione Urbanistica. La querela ha avuto, nelle strane logiche della moderna comunicazione social, il risultato di amplificare all’inverosimile le visualizzazioni degli scritti del querelato, aumentare gli interessati ai contenuti dei suoi articoli, rappresentando agli occhi di molti cittadini una sorta di ‘ammissione di colpa’.

 

Chiediamo quindi al fine di ristabilire un dialogo democratico e di rassenerare la situazione quale primo interesse della difesa dei colleghi indagati, il ritiro della querela, la fine del clima intimidatorio che dal governo centrale agli enti locali si sta abbattendo su questo paese e sulla libertà di parola di conseguenza anche dei lavoratori, e la creazione di momenti di confronto e di partecipazione ‘vera’ anche coi giornalisti più critici l’Amministrazione che possano spiegare e rendere trasparente la correttezza dell’operato degli uffici in attesa di una positiva risoluzione di tutte le controversie in atto.

 

RSU USI Comune Milano

Milano, 25 giugno 2024

 

RINNOVO CCNL RAI

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

RINNOVO CCNL RAI: FERMARE I CLIENTELISMI E RIDARE DIGNITA'

A TUTTI I LAVORATORI


Sembra assurdo che sia una sigla fuori dalle trattative a doverlo dire, ma ci preme ricordare a tutti che il CCNL Rai è scaduto da più di un anno e che le attuali proposte economiche aziendali sono totalmente indecenti e inaccettabili.

I rinnovi contrattuali firmati negli ultimi 30 anni dalle OO.SS. che si sono finora occupate delle trattative hanno ridotto di almeno 1/3 il potere di acquisto dei lavoratori e non hanno permesso di restare al passo con l'inflazione programmata; non osiamo nemmeno parlare di inflazione reale, perché in questo caso l'impoverimento subito dalle retribuzioni medie dei lavoratori Rai ha raggiunto indici a due cifre ed ha accollato sulle famiglie un peso incalcolabile che ha condizionato pesantemente il loro stile di vita, ripercuotendosi persino sulla capacità di fruire di beni e servizi essenziali. A questo proposito, ricordiamo che l'introduzione di bonus e ticket in forma di un cosiddetto “welfare” (benessere assistenziale), non è assolutamente da considerarsi una conquista sociale, né sindacale, ma al contrario è la dimostrazione di una disfatta economica e di come coloro che hanno un lavoro salariato si ritrovino nelle preoccupanti condizioni di dover beneficiare di misure di sostegno materiale, sotto forma di beni e servizi che finiscono per ledere ed umiliare la loro dignità di lavoratori sottopagati.

Non è un caso se sempre più spesso i giovani apprendisti e le nuove leve della produzione rinunciano a intraprendere una carriera all'interno dell'azienda o peggio ancora rassegnino le dimissioni dopo pochi mesi dall'impiego, poiché con le attuali retribuzioni offerte dalla Rai non sono in grado di sostenersi autonomamente e condurre uno stile di vita soddisfacente che richiede già molti sacrifici in termini di flessibilità, lavoro festivo e orari imprevedibili che subiscono prolungamenti e anticipi ripetuti, a causa di un tipologia di lavoro particolare, ma soprattutto sono la conseguenza di carenze di personale ormai croniche.

Il nostro dovere di sigla sindacale svincolata da ogni forma di potere politico e clientelare è anche quello di aprire gli occhi a tutti quei lavoratori che pretendono di avere forme di trattamenti preferenziali che di fatto danneggiano altre categorie di lavoratori. Noi ci battiamo per una crescita economica che porti un effettivo beneficio a tutti e che svincoli il lavoratore dalla logica clientelare di cui finora si sono fatte portavoce le sigle che pretendono tessere in cambio di categorie, bonus o altri stratagemmi illusori ed ingannevoli per quella forza lavoro che ormai è quasi del tutto piegata al volere di chi gli impone regole e retribuzioni immodificabili che in nessun modo si sono rivelate vantaggiose per chi ad esse deve sottostare.

Proponiamo di smettere di illudere le persone con falsi benefici che danno a pochi e tolgono a molti, ma di considerare un realistico e dignitoso aumento in prima voce per tutti, come è giusto che sia in una società civile che voglia definirsi tale.

Un'altra proposta che permetterebbe di tenere sotto controllo l'effettivo aumento di stipendio è quella di non parlare più di parametrazione degli aumenti al quarto, o peggio al secondo livello, ma di utilizzare degli schemi molto chiari e precisi che indichino l'effettivo ammontare della prima voce in tutti i 9 livelli previsti dal CCNL, anche per dare la possibilità ai lavoratori di confrontare negli anni quanto le loro prime voci siano effettivamente aumentate e in quale percentuale. Ogni proposta diversa dal voler incrementare lo stipendio in prima voce per tutti è solo pura demagogia, inganno, frode, oltre che il tentativo di far passare come istituzionale una mentalità clientelare di impronta mafiosa.

I lavoratori devono assolutamente rifiutare di farsi coinvolgere in una logica che propone soluzioni di comodo solo per coloro che gestisco un “sistema” malato e corrotto o si precluderanno essi stessi ogni possibilità di ottenere vere conquiste economiche e di conservare un minimo di dignità personale. Prepariamoci a dichiarare lo stato di agitazione e a sostenere le lotte per migliorare le nostre condizioni economiche e a permettere ai più giovani di costruirsi un futuro dignitoso in azienda.

USI Dip 902 24.06.2024

 

PROGRESSIONI ECONOMICHE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

 

Comunicato sindacale ai sensi della l.300/70

PROGRESSIONI ECONOMICHE ANONIME PER LA TUTELA DELLA PRIVACY

 

Ieri su albo pretorio è stata pubblicata la determina con cui viene resa nota la graduatoria per l'attribuzione delle progressioni economiche (in allegato).

Non è uno scherzo: è COMPLETAMENTE ANONIMA! Niente nomi e cognomi o matricole....solo il punteggio!

Ognuno di noi, per il rispetto della privacy, potrà sapere solo ed esclusivamente il suo punteggio e la sua posizione in graduatoria accedendo alla intranet.

Ma alla trasparenza dell'attività della P.A. non ci pensa nessuno?

Ma davvero, come ha avuto modo di dire il Garante della Privacy, la pubblicazione delle PEO potrebbe comportare potenziali pregiudizi nei confronti degli interessati tra cui "esporre gli interessati a difficoltà relazionali con i colleghi di lavoro" e "creare ingiustificati pregiudizi da parte degli utenti esterni che venissero a contatto con gli stessi nell'esercizio delle loro funzioni"?

Quindi anche a scuola, per non comportare pregiudizio al ciuccio dell'Istituto, bisognerà presto oscurare l'elenco degli ammessi e non ammessi, o i voti della Maturità, che dopo gli esami erano accessibili a tutti (anzi era un rito andare a leggerli, e il ciuccio dell'Istituto non si è mai offeso, fiero della sua bocciatura).

Ma dov'è la privacy quando prendiamo la metro con il nostro bell'abbonamento nominativo, quando attraversiamo Area B e C in macchina, e presto, quando introdurranno in aereoporto o altrove i sistemi di riconoscimento biometrico?

Aspettiamo che, in ottemperanza al rispetto della privacy, vengano oscurati anche gli stipendi, gli emolumenti e il 730 dei Dirigenti.

 

dott.ssa Maria Rosa Guida

RSU USI Comune di Milano

 

Comune di Milano - Direzione Servizi Civici e Municipi

Area Municipi - Ambito Coordinamento 2

Unità  Supporto agli Organi del Municipio 9

Via Guerzoni, 38 - 20158   - Tel. 02.884.58768

e-mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

   

Pagina 1 di 61