CCNL

Chimica, gomma, plastica e vetro. Imprese artigiane. 15.12.09

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Verbale accordo  15-12-2009
Verbale di accordo per il trattamento economico e la bilateralità per i dipendenti dalle imprese artigiane dei settori della chimica, gomma, plastica e vetro


Epigrafe
Verbale di stipula
Testo del contratto
Tabelle retributive

Verbale di accordo per il trattamento economico e la bilateralità per i dipendenti dalle imprese artigiane dei settori della chimica, gomma, plastica e vetro


Parti stipulanti
Addì, 15 dicembre 2009,
Tra
le Organizzazioni artigiane
Confartigianato Chimica, Gomma, Plastica e Vetro, assistita dalla Confartigianato imprese
CNA Produzione, assistita dalla CNA, Casartigiani e CLAAI
e
le Organizzazioni sindacali dei lavoratori
FEMCA-CISL
UILCEM-UIL,


Considerato che il C.C.N.L. per i lavoratori dipendenti dalle imprese dei settori della Chimica, Gomma, Plastica e Vetro, è scaduto il 31 dicembre 2008;

Visto quanto stabilito dal punto 1) dall'accordo interconfederale del 23 luglio 2009, che con la presente intesa viene integralmente recepito, e che individua nell'1,5% l'incremento dei minimi retributivi dei C.C.N.L. artigiani per l'anno 2009, da calcolarsi per ciascun livello di inquadramento, su paga base, ex contingenza ed E.d.r., e che il predetto incremento verrà corrisposto a decorrere dal 1° gennaio 2010;

Considerato quanto stabilito dall'accordo interconfederale del 15 dicembre 2009 in materia di contrattualizzazione del diritto alle prestazioni del sistema della bilateralità;
Tutto ciò premesso e considerato, le parti in epigrafe hanno convenuto gli allegati incrementi retributivi, relativi ai singoli livelli, a partire dal 1° gennaio 2010.

Eventuali aumenti già corrisposti a titolo di acconto sui futuri miglioramenti contrattuali saranno assorbiti, fino a concorrenza, dagli incrementi retributivi previsti dal presente accordo, secondo la consolidata prassi negoziale tra le parti.

Le trattative proseguiranno per il rinnovo dei C.C.N.L. d'area, per il triennio 2010-2012, così come previsto dai vigenti accordi interconfederali in materia.
In applicazione degli accordi interconfederali del 23 luglio 2009, del 28 settembre 2009 e, da ultimo, dell'accordo interconfederale del 15 dicembre 2009 in materia di bilateralità, le parti concordano di recepire quanto segue nel C.C.N.L. che disciplina il rapporto di lavoro dei dipendenti delle aziende dei settori della Chimica, Gomma, Plastica e Vetro:

A) il punto 3 dell'accordo interconfederale del 23 luglio 2009;

B) contrattualizzazione del diritto alle prestazioni bilaterali:

1. La bilateralità prevista dalla contrattazione collettiva dell'artigianato è un sistema che coinvolge tutte le imprese aderenti e non aderenti alle associazioni di categoria in quanto eroga prestazioni di welfare che sono indispensabili a completare il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all'interno dei contratti collettivi di categoria.

2. Le prestazioni presenti nei sistemi di bilateralità nazionale e regionale rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore che pertanto matura, esclusivamente nei confronti delle imprese non aderenti e non versanti al sistema bilaterale, il diritto alla erogazione diretta da parte dell'impresa datrice di lavoro di prestazioni equivalenti a quelle erogate dagli Enti bilaterali nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano.
L'impresa, aderendo alla bilateralità ed ottemperando ai relativi obblighi contributivi, assolve ogni suo obbligo in materia nei confronti dei lavoratori.

3. Le prestazioni erogate dagli enti bilaterali saranno fruibili fino a concorrenza delle risorse disponibili specificatamente dedicate ad ogni singola prestazione.

4. A decorrere dal 1° luglio 2010, le imprese non aderenti alla bilateralità e che non versano il relativo contributo dovranno erogare al lavoratore una quota di retribuzione pari ad € 25,00 lordi mensili.

Tale importo, che sarà escluso dalla base di calcolo del t.f.r., dovrà essere erogato con cadenza trimestrale al lavoratore e mantiene carattere aggiuntivo rispetto alle prestazioni dovute ad ogni singolo lavoratore in adempimento dell'obbligo di cui al punto 2.
C.C.N.L. Chimica, Gomma, Plastica e Vetro

Incrementi salariali
Livello     Paga base al 31.12.2009


7°            1.105,42
6°            1.001,29
5°s              922,21
5°               856,98
4°               786,51
3°               715,19
2°               660,62
1°               584,91

Livello     Incremento in vigore dall'1.1.2010

7°       24,75
6°       23,12
5°s     21,85
5°       20,81 
4°       19,72
3°       18,62
2°       17,80
1°       16,63

Retribuzione in vigore dal 1° gennaio 2010

Livello     Nuova paga base dall'1.1.2010     Ex contingenza     E.d.r.     Minimi retributivi dall'1.1.2010

7°              1.130,17                                           534,20                  10,33       1.674,70
6°              1.024,41                                           529,92                  10,33       1.564,66
5°s               944,06                                            523,86                  10,33       1.478,25
5°                 877,79                                            519,76                 10,33       1.407,90
4°                 806,23                                            517,51                 10,33       1.334,07
3°                 733,81                                            515,63                 10,33       1.259,77
2°                 678,42                                            515,54                 10,33       1.204,29
1°                 601,54                                            513,18                 10,33       1.125,05

 

Acconciature Estetica Tatuaggio Piercing..Verb.acc. 15-12-2009

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Verb.acc. 15-12-2009

Verbale d’accordo per il trattamento economico e

la bilateralità per i dipendenti dalle imprese

artigiane dell'acconciatura, dell'estetica, tricologia

non curativa, tatuaggio e piercing

Epigrafe

Verbale di stipula

Testo del contratto

Tabelle retributive

Verb.acc. 15 dicembre 2009

 

Parti stipulanti

Addì, 15 dicembre 2009

tra

le Organizzazioni artigiane

Confartigianato Benessere-acconciatori

Confartigianato Benessere-estetica

assistite dalla Confartigianato imprese, CNA - Unione benessere e sanità, assistita dalla CNA, Casartigiani, CLAAI - FEDERNAS-UNAMEM

e

le Organizzazioni sindacali dei lavoratori

FISASCAT-CISL UILTUCS-UIL

 

Considerato che il C.C.N.L. per i lavoratori dipendenti dalle imprese dei settori dell'Acconciatura, Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio e Piercing, è scaduto il 31 dicembre 2008;

Visto quanto stabilito dal punto 1) dall'accordo interconfederale del 23 luglio 2009, che con la presente intesa viene integralmente recepito, e che individua nell'1,5% l'incremento dei minimi retributivi dei C.C.N.L. artigiani per l'anno 2009, da calcolarsi per ciascun livello di inquadramento, su paga base, ex contingenza ed E.d.r., e che il predetto incremento verrà corrisposto a decorrere dal 1° gennaio 2010;

Considerato quanto stabilito dall'accordo interconfederale del 15 dicembre 2009 in materia di contrattualizzazione del diritto alle prestazioni del sistema della bilateralità;

Tutto ciò premesso e considerato, le parti in epigrafe hanno convenuto gli allegati incrementi retributivi, relativi ai singoli livelli, a partire dal 1° gennaio 2010.

Eventuali aumenti già corrisposti a titolo di acconto sui futuri miglioramenti contrattuali saranno assorbiti, fino a concorrenza, dagli incrementi retributivi previsti dal presente accordo, secondo la consolidata prassi negoziale tra le parti.

Le trattative proseguiranno per il rinnovo dei C.C.N.L. d'area, per il triennio 2010-2012, così come previsto dai vigenti accordi interconfederali in materia.

* * *

In applicazione degli accordi interconfederali del 23 luglio 2009, del 28 settembre 2009 e, da ultimo, dell'accordo interconfederale del 15 dicembre 2009 in materia di bilateralità, le parti concordano di recepire quanto segue nel C.C.N.L. che disciplina il rapporto di lavoro dei dipendenti delle aziende dei settori dell'Acconciatura, dell'Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio e Piercing:

A) il punto 3 dell'accordo interconfederale del 23 luglio 2009;

B) contrattualizzazione del diritto alle prestazioni bilaterali:

1. La bilateralità prevista dalla contrattazione collettiva dell'artigianato è un sistema che coinvolge tutte le imprese aderenti e non aderenti alle associazioni di categoria in quanto eroga prestazioni di welfare che sono indispensabili a completare il trattamento economico e normativo del lavoratore previsto all'interno dei contratti collettivi di categoria.

2. Le prestazioni presenti nei sistemi di bilateralità nazionale e regionale rappresentano un diritto contrattuale di ogni singolo lavoratore che pertanto matura, esclusivamente nei confronti delle imprese non aderenti e non versanti al sistema bilaterale, il diritto alla erogazione diretta da parte dell'impresa datrice di lavoro di prestazioni equivalenti a quelle erogate dagli Enti bilaterali nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano.

L'impresa, aderendo alla bilateralità ed ottemperando ai relativi obblighi contributivi, assolve ogni suo obbligo in materia nei confronti dei lavoratori.

3. Le prestazioni erogate dagli Enti bilaterali saranno fruibili fino a concorrenza delle risorse disponibili specificatamente dedicate ad ogni singola prestazione.

4. A decorrere dal 1° luglio 2010, le imprese non aderenti alla bilateralità e che non versano il relativo contributo dovranno erogare al lavoratore una quota di retribuzione pari ad € 25,00 lordi mensili.

Tale importo, che sarà escluso dalla base di calcolo del t.f.r., dovrà essere erogato con cadenza trimestrale al lavoratore e mantiene carattere aggiuntivo rispetto alle prestazioni dovute ad ogni singolo lavoratore in adempimento dell'obbligo di cui al punto 2.

 

C.C.N.L. Acconciatura, Estetica, Tricologia non curativa, Tatuaggio e Piercing

Incrementi salariali

 

Livello

Paga base al 31.12.2009

711,74

609,69

554,25

495,55

Livello

Incremento in vigore dall'1.1.2010

18,33

16,74

15,87

14,96

 

Retribuzione in vigore dal 1° gennaio 2010

 

Livello

Nuova paga base dal 1/1/2010

Ex contingenza

E.d.r.

Minimi retributivi dall'1.1.2010

730,07

499,71

10,33

1.240,11

626,43

496,10

10,33

1.132,86

570,12

493,55

10,33

1.074,00

510,51

491,78

10,33

1.012,62

 

Istituti di vigilanza privata. CCNL 02.05.2006

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Normal 0 14

CCNL 02.05.2006

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Epigrafe

Scadenze contrattuali

Verbale di stipula

Testo del C.C.N.L. - Premessa

Art. 1 - (Sfera di applicazione)

Art. 2 - (Validità)

RELAZIONI SINDACALI

Art. 3 - (Diritti di informazione)

Art. 4 - (Commissione paritetica nazionale - Compiti)

Art. 5 - (Composizione e procedura)

Ente bilaterale nazionale

Art. 6 - (Scopi)

Art. 7 - (Funzionamento delle relazioni sindacali)

Art. 8 - (Contributo di assistenza contrattuale)

Art. 9 - (Diritti di informazione)

Art 10 - (Contrattazione Integrativa e materie demandate)

Art. 11 - (Composizione delle controversie - Procedura)

Art. 12 - (Collegio arbitrale)

Art. 13 - (Tentativo di composizione per i licenziamenti individuali)

Livello aziendale

Art. 14 - (Diritti di informazione)

Art. 15 - (Contrattazione aziendale o interaziendale)

ATTIVITA' SINDACALI

Art. 16 - (Dirigenti sindacali nazionali e provinciali delle R.S.A. e delle RSU)

Art. 17 - (Permessi retribuiti)

Art. 18 - (Diritto di affissione)

Art. 19 - (Permessi non retribuiti)

Art. 20 - (Referendum)

Art. 21 - (Assemblea)

Art. 22 - (Delegato aziendale)

Art. 23 - (Contributi associativi sindacali)

TUTELE E GARANZIE

Art. 24 - (Sicurezza sul lavoro)

Art. 25 - (Cambio di appalto e/o affidamento di servizio)

Art. 26 - (Condizioni per attivare la procedura)

Art. 27 - (Modalità di attivazione e di espletamento della procedura)

Art. 28 - (Previdenza integrativa)

Art. 29 - (Assistenza sanitaria integrativa)

Art. 30 - (Pari opportunità)

CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE

Art. 31 - (Classificazione)

Art. 32 - (Mutamenti di mansioni)

Art. 33

Art. 34

MERCATO DEL LAVORO

Art. 35 - (Sfera di applicazione)

Art. 36 - (Limiti di età)

Art. 37 - (Assunzione)

Art. 38 - (Percentuale di conferma)

Art. 39 - (Metodologie applicative)

Art 40 - (Riconoscimento precedenti periodi di apprendistato)

Art. 41 - (Obblighi del datore di lavoro)

Art. 42 - (Doveri dell'apprendista)

Art. 43 - (Principi generali in materia di formazione dell'apprendistato professionalizzante)

Art. 44 - (Formazione: durata)

Art. 45 - (Formazione: contenuti)

Art. 46 - (Durata)

Art. 47 - (Tutor)

Art. 48 - (Trattamento normativo)

Art. 49 - (Trattamento economico)

Art. 50 - (Malattia)

Art. 51 - (Rinvio alla legge)

Art. 52 - (Contratto a tempo determinato)

Art. 53 - (Somministrazione di lavoro a tempo determinato)

Art. 54 - (Monitoraggio)

Art. 55 - (Definizione e disciplina del rapporto a tempo parziale)

Art. 56 - (Elementi e durata del rapporto a tempo parziale)

Art. 57 - (Criteri di computo dei lavoratori a tempo parziale)

Art. 58 - (Relazioni sindacali aziendali)

Art. 59 - (Clausole elastiche del rapporto di lavoro a tempo parziale)

Art. 60 - (Denuncia del patto di prestazione lavorativa in regime di clausola elastica)

Art. 61 - (Lavoro supplementare)

Art. 62 - (Registro del lavoro supplementare)

Art. 63 - (Principio di non discriminazione e di proporzionalità)

Art. 64 - (Mensilità supplementari - Tredicesima e quattordicesima)

Art. 65 - (Condizioni di miglior favore)

Art. 66 - (Rinvio alla legge)

Art. 67 - (Part time post-maternità)

RAPPORTO DI LAVORO

Art. 68 - (Norme e documentazione per l'assunzione)

Art. 69 - (Periodo di prova)

Art. 70 - (Risoluzione del rapporto di lavoro durante il periodo di prova)

ORARIO DI LAVORO

Art. 71 - (Norme generali)

Art. 72 - (Riposo giornaliero)

Art. 73 - (Riposo settimanale)

Art. 74 - (Pause)

Art. 75 - (Ciclo continuo)

Art. 76 - (Sistema 5 + 1)

Art. 77 - (Sistema 6 + 1 + 1)

Art. 78 - (Flessibilità)

Art. 79 - (Straordinario)

Art. 80 - (Informazioni sul lavoro straordinario)

Art. 81 - (Banche delle ore)

Art. 82 - (Permessi non fruiti)

Art. 83 - (Orario di lavoro del ruolo amministrativo)

PERMESSI, FERIE, FESTIVITA' E CONGEDI

Art. 84 - (Permessi annuali)

Art. 85 - (Durata delle ferie)

Art. 86 - (Retribuzione e programmazione delle ferie)

Art. 87 - (Risoluzione del rapporto di lavoro)

Art. 88 - (Festività nazionali e infrasettimanali)

Art. 89 - (Retribuzione delle festività)

Art. 90 - (Norma generale)

Art. 91 - (Congedo matrimoniale)

Art. 92 - (Permessi retribuiti)

Art. 93 - (Permessi retribuiti a lavoratori studenti per esami)

Art. 94 - (Congedi retribuiti per eventi e cause familiari)

Art 95 - (Permessi per handicap)

Art. 96 - (Permessi per donatori di sangue)

Art. 97 - (Permessi per i familiari di un tossicodipendente)

Art. 98 - (Congedi familiari non retribuiti)

MISSIONE E TRASFERTA

Art. 99 - (Missione e trasferta)

Art. 100 - (Rimborso spese)

DOVERI DEL PERSONALE E NORME DI COMPORTAMENTO

Art. 101 - (Norme generali)

Art. 102 - (Sospensione cautelare)

Art. 103 - (Ritiro patente)

Art. 104 - (Provvedimenti disciplinari)

TRATTAMENTO ECONOMICO

Art. 105 - (Retribuzione normale)

Art. 106 - (Salario unico nazionale (Paga base tabellare conglobata)

Art. 107 - (Indennità di contingenza)

Art. 108 - (Indennità relative ai servizi prestati)

Art. 109 - (Indennità di vacanza contrattuale)

Art. 110 - (Terzi elementi retributivi)

Art. 111 - (Scatti di anzianità)

Art. 112 - (Retribuzione di fatto)

Art. 113 - (Modalità per il calcolo e la corresponsione della retribuzione)

Art. 114 - (Prospetto paga)

Art. 115 - (Paga giornaliera e oraria)

Art. 116 - (Maggiorazione per lavoro: festivo - straordinario)

Art. 117 - (Mensilità supplementarii)

Art. 118 - (Indennità di cassa e/o maneggio denaro)

Art. 119 - (Divisa e d'equipaggiamento)

Art. 120 - (Rinnovi: decreto Guardia Giurata, porto d'armi e tassa tiro a segno)

Art. 121 - (Assistenza legale)

SOSPENSIONE DELLE PRESTAZIONI

Art. 122 - (Malattia)

Art. 123 - (Visite di controllo)

Art. 124 - (Retribuzione)

Art. 125 - (Conservazione del posto di lavoro)

Art. 126 - (Obbligo di iscrizione all'INAIL)

Art. 127 - (Conservazione del posto - Retribuzione)

Art. 128 - (Assicurazione)

Art. 129 - (Normativa)

Art. 130 - (Adozione e/o affidamento)

Art. 131 - (Diritto alla conservazione del posto e divieto di licenziamento)

Art. 132 - (Astensione dal lavoro e permessi per assistenza al bambino)

Art. 133 - (Astensione obbligatoria e facoltativa della madre)

Art. 134 - (Astensione del padre)

Art. 135 - (Allattamento)

Art. 136 - (Comunicazioni della lavoratrice)

Art. 137 - (Richiamo alle armi - Servizio civile)

RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

Art. 138 - (Recesso)

Art. 139 - (Preavviso)

Art. 140 - (Licenziamento per giusta causa)

Art. 141 - (Anzianità di servizio)

Art. 142 - (Trattamento di fine rapporto)

Art. 143 - ("Una tantum”)

Art. 144 - (Decorrenza e durata)

Art. 145 - (Procedure per il rinnovo del C.C.N.L.)

Art. 146 - (Procedura per la composizione delle controversie collettive)

Art. 147 - (Distribuzione del contratto)

Allegato 1 - Statuto dell'Ente bilaterale regionale

Allegato 2 - Accordo per la costituzione delle Rappresentanze sindacali unitarie

Allegato 2/A - Lega nazionale cooperative e mutue confederazione Cooperative italiane eassociazione generale Cooperative italiane protocollo di intesa per la costituzione delle Rappresentanze sindacali unitarie

Allegato 3 - Accordo applicativo del D.Lgs. n. 626/1994

Allegato 4 - Accordo nazionale per la unificazione del punto di contingenza

Allegato 5 - Direzione generale dei rapporti di lavoro Ministero del lavoro e della previdenza sociale

Allegato 6 - Anticipazione sull'indennità di anzianità (in base all'accordo di rinnovo 9 aprile 1982)

Allegato 7 - Priorità per la concessione di anticipazioni del trattamento di fine rapportoo

Allegato 8 - Accordo apprendistato

Allegato 9 - Licenziamenti collettivi

Allegato 10 - Contributi di assistenza contrattuale CO.AS.CO

Allegato 10/A - Contributi di assistenza contrattuale CO.AS.CO

Allegato 10/B - Contributi di assistenza contrattuale CO.AS.CO

Allegato 10/C - Contributi di assistenza contrattuale CO.AS.CO

Allegato 11 - Legge 11 maggio 1990, n. 108 Disciplina dei licenziamenti individuali

Allegato 12 - Legge 20 maggio 1970, n. 300

Allegato 13 - Legge 29 maggio 1982, n. 297 Disciplina del trattamento di fine rapporto e norme in materia pensionistica

Allegato 14 - Pari opportunità legge n. 108/1990

Allegato 15 - - Decreto ministeriale legge n. 66 - Circolare esplicativa, accordo sulle relative certificazioni Dipartimento della pubblica sicurezza Ufficio per l'amministrazione generale Ufficio per gli Affari della Polizia amministrativa e sociale

Allegato 16 - Verbale d'accordo Certificazione liberatoria

Allegato 17 - Avviso comune sul settore vigilanza privata

Allegato 18

C.C.N.L. 2 maggio 2006

Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Decorrenza: 1° gennaio 2005 Scadenza: 31 dicembre 2008

Scadenza parte economica: 31 dicembre 2008

 

Il testo integrale del CCNL è possibile richiederlo alla segreteria USI AIT di Milano

   

Pagina 15 di 30