Inqualificabile provocazione a Roma. Solidarietà

Ultimo aggiornamento Martedì 23 Ottobre 2018 09:41 Scritto da Sandro Martedì 23 Ottobre 2018 09:24

Stampa

U.S.I.  - Unione Sindacale Italiana fondata nel 1912

Confederazione di sindacati nazionali  e di federazioni locali intercategoriali Segreteria gen Naz.

Roma Largo G. Veratti 25, 00146 Fax 06/77201444  e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Udine Via G. Marchetti 46 33100 tel/fax 0432/1503360 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Milano Via Ricciarelli 37 tel. 02/54107087 fax 02/54107095 e mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. PEC Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Roma, 22 Ottobre 2018

COMUNICATO SINDACALE

segreteria nazionale Usi

NO A SQUADRISMO, NO A INTIMIDAZIONI NO A MINACCE

CONTRO GLI ANTIRAZZISTI-E E GLI ANTIFASCISTI-E.

 

La riunione convocata presso i locali della locanda Atlantide, operativa per la manifestazione nazionale del 10 novembre volgeva al termine, Giuseppe (il nome del compagno) stava uscendo dal locale di S. Lorenzo a Roma, dove avevano già avuto luogo due assemblee nazionali di questo percorso,  quando si è trovato circondato da 7-8 personaggi, che lo hanno minacciato di “non farsi più vedere a quelle riunioni e assemblee …”perché – a detta di questi squadristi e mafiosetti, altro non sono - la prossima volta “sono cavoli tuoi”, perché “persona non gradita”, riferimento all’organizzazione sindacale Usi e non alla sua singola persona.

Il compagno senza arrivare al contatto fisico, si è fatto largo (…è bastata la sua voce a far arretrare alcuni di questi personaggi, in 8 - 2 ragazze messesi davanti e 6 ragazzi dietro, contro 1 solo, sono proprio degli “eroi ed eroine”) e ha lasciato la riunione, dalla quale comunque stava uscendo perché volta al termine.

CONOSCIAMO BENE QUESTI METODI, di stampo squadristico, come QUESTI BALDI GIOVANOTTI E GIOVANOTTE, che fanno parte della stessa covata, a prescindere dai volti e dagli accenti di coloro che in quest’ultimo periodo stanno minacciando e aggredendo altri compagni e compagne.

COME GIA’ IN ALTRE OCCASIONI, NON FAREMO NE’ NOMI NE’ COGNOMI, DEBUNCIANDO POLITICAMENTE FATTI ED EPISODI a differenza di quello che si raccontano con bugie e falsità certi personaggi e i loro protettori, per darsi una forza e un’autorità che non hanno e che non gli viene riconosciuta.

Certi loro  metodi e certe loro pratiche, sono lontani migliaia di chilometri, da quella da noi praticata come lavoratori e lavoratrici autorganizzati, indipendenti, autofinanziati e  solidali.

Ma si sa, chi va con lo zoppo, impara a zoppicare … e i loro metodi assomigliano FIN TROPPO, A QUELLI del Minniti-Salvini pensiero (Scelba è roba troppo antica per loro…) e delle leggi che vorrebbero utilizzare contro di noi, tipo IL DASPO URBANO  o le misure di CONFINO …

Non sappiamo chi gliela dà, quest’autorità e questo potere da mafiosetti di quart’ordine, di decidere chi partecipa e come.

DI CERTO,  DI PERSONAGGI COME QUESTI, NEL MOVIMENTO ANTIRAZZISTA, ANTIFASCISTA, DI LOTTA E DI CONFLITTO SOCIALE (quello che Usi continua a fare, malgrado loro, come per lo sciopero del 26 ottobre prossimo, caratterizzato in senso antirazzista, contro tutte le discriminazioni e le pratiche fasciste, mettendoci la faccia e la responsabilità politica e sindacale come per la manifestazione del 10 novembre, alla quale saremo presenti, nonostante le loro minacce …), NON ABBIAMO BISOGNO.

L’ANTIPOLITICA E LA BARBARIE CHE COMBATTEREMO OGNI GIORNO, E SEMPRE

PASSA ANCHE PER LA CONDANNA DI QUESTI ATTI GRAVI E INQUALIFICABILI e L’ISOLAMENTO DI QUESTI METODI

L'UNIONE SINDACALE ITALIANA

CONTINUUA A LAVORARE PER UNA GRANDE MANIFESTAZIONE ANTIRAZZISTA PER

IL 10 NOVEMBRE PER UN PERCORSO PERMANENTE E AMPIO, E CI VEDRA’ CONTRO,

RAZZISMO, FASCISMO E DISCRIMINAZIONI!