Nibirumail Cookie banner

Benvenuti sul sito dell'Unione Sindacale Italiana!

Germany, FAU: PORTARE LA VOCE DEL SINDACATO NELLE PROTESTE

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Scritto da Sandro Mercoledì 31 Gennaio 2024 14:45

Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-font-kerning:1.0pt; mso-ligatures:standardcontextual; mso-fareast-language:EN-US;}

Date: 31 Jan 2024

Germany, FAU, direkte aktion: PORTARE LA VOCE DEL SINDACATO NELLE PROTESTE

Sofie Legutke fa parte dell'iniziativa Green Trades del sindacato di base Unione Libera dei Lavoratori (FAU), che negli ultimi giorni ha preso parte alle proteste dei contadini. Peter Nowak le ha parlato. ---- Perché sostenete le proteste degli agricoltori? ----- Perché noi stessi siamo lavoratori agricoli e conosciamo la difficile situazione delle piccole e medie aziende agricole. Non si tratta più solo di diesel agricolo. Si tratta di una politica che da decenni danneggia le aziende agricole, sfruttando i lavoratori stagionali e promuovendo il settore agricolo e gli investitori non agricoli.

Come è stato esattamente questo supporto negli ultimi giorni?

Abbiamo partecipato a varie proteste in tutta la Germania per mostrare solidarietà ai colleghi e avvicinare le nostre preoccupazioni alla gente della città. Ma anche per mostrare una posizione chiara contro i tentativi di appropriazione da parte della destra ed esprimere il nostro disappunto quando le forze conservatrici vogliono incoraggiare le persone colpite a "dimettersi".

Molti media sottolineano che alle proteste prendono parte anche gruppi di destra. Hai notato qualcosa a riguardo?

Sì, abbiamo potuto osservarlo in alcuni posti. In Sassonia, ad esempio, sono i "Liberi Sassoni" che cercano di prendere in mano la protesta, ma le loro proteste hanno poco a che fare con l'agricoltura. La questione se l'appropriazione da parte di destra abbia successo varia molto a livello locale; fortunatamente molte persone prendono chiaramente le distanze.

Si sostiene spesso che i tagli che hanno portato alle proteste abbiano senso per ragioni ambientali. Perché dovresti ancora sostenere le proteste?

La motivazione dietro i tagli non era quella di promuovere i metodi di agricoltura biologica, ma di colmare il divario di bilancio. Risparmiare sugli armamenti o imporre una tassa sul cherosene sarebbe stato rispettoso del clima. Inoltre, non esistono quasi alternative a cui gli agricoltori possano rivolgersi. Sono proprio le piccole imprese a portare diversità. Se ci fossero state ragioni ecologiche, i suggerimenti della commissione Borchert e della futura commissione per l'agricoltura non sarebbero stati ignorati. Stiamo invece osservando uno sviluppo costante dell'agricoltura verso un'industria agricola.

Molte persone, anche provenienti da altri paesi, sono impiegate nel settore agricolo, spesso in condizioni precarie. Che ruolo giocano queste persone e le loro rivendicazioni nelle proteste?

Vediamo che soprattutto le grandi aziende assumono lavoratori stagionali che lavorano in condizioni terribili. Sfortunatamente, finora i loro interessi non hanno avuto alcun ruolo. In alcuni luoghi c'è addirittura un sentimento contro i loro diritti. La tendenza generale va verso le grandi aziende, un maggior numero di lavoratori stagionali, una crescente precarizzazione e condizioni di lavoro sempre più sfavorevoli.

Siamo solidali con tutti i lavoratori dipendenti e vorremmo vedere un impegno più chiaro a favore degli interessi di tutti i lavoratori stagionali!

A scendere in piazza sono soprattutto le aziende agricole e non i braccianti?

Entrambe le parti stanno attualmente scendendo in piazza; i trattoristi impiegati guidano i numerosi trattori nelle città. Ma è tutta una questione di prospettiva aziendale e non bastano gli interessi dei dipendenti. Per questo cerchiamo di portare la nostra voce come sindacalisti nelle proteste e di organizzarci meglio. Tuttavia, la nostra situazione non migliorerà finché non migliorerà anche la situazione delle piccole e medie imprese, che sono massicciamente spinte all'autosfruttamento e allo sfruttamento esterno; coloro che devono investire a causa della pressione sull'efficienza e delle esigenze costantemente nuove dei politici, sono indebitati.

Come riassumeresti le tue esperienze durante le proteste finora?

È un evento dinamico con grandi differenze locali in termini di demarcazione dalla destra, ma anche in termini di composizione dei manifestanti. Riteniamo che gli orientamenti politici siano piuttosto

contrastanti: ci sono posizioni anticapitaliste, altre sono sia di destra che di sinistra. Ma la presenza dell'ambiente di destra è decisamente evidente.

Quale ulteriore supporto stai pianificando?

Ci impegneremo dove riteniamo che sia giusto, lotteremo per gli interessi della nostra classe e mostreremo una posizione chiara contro la destra! Parteciperemo sicuramente a molte altre proteste. Ci trovate anche il 20 gennaio. alla demo annuale "We're stufi" a Berlino!

https://direkteaktion.org/wir-versuchen-unsere-stimme-als-gewerkschafterinnen-in-die-proteste-hinein-zu-tragen/

 

Fora. Argentina NECESSITÀ E URGENZA

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Mercoledì 31 Gennaio 2024 14:42 Scritto da Sandro Mercoledì 31 Gennaio 2024 14:32

Date: Tue, 30 Jan 2024 10:06:02 +0200

Argentina, FORA, Organizacion-Obrera #101: Contenuto + EDITORIALE[NECESSITÀ E URGENZA] (ca, de, en, fr, pt, tr) [EDITORIALE - NECESSITÀ E URGENZA

GREMIALES Spazi precari e possibilità di sopravvivenza in tempi di distopia - ANALISI Le principali riforme del lavoro del mega dnu di Milei - LEGISLAZIONE DEL LAVORO La catastrofe di Milei - ANALISI Le riforme del disegno di legge omnibus in materia di lavoro e previdenza - LEGISLAZIONE LAVORO Sembra che noi fossimo i privilegiati -

ANALISI Palestina: Quella lontana melodia di libertà - INTERNAZIONALE Una pagina poco conosciuta dei primi anni del movimento operaio - STORIA EDITORIALE - NECESSITÀ E URGENZA

Se c'è qualcosa di peggio di un sistema rappresentativo, è un cattivo sistema rappresentativo. E se c'è qualcosa di peggio di un cattivo sistema rappresentativo, è la tirannia. Due settimane dopo il suo insediamento, il presidente del Paese si confonde con Rosas e chiede al parlamento l'aggiunta del potere pubblico per esteriorizzare l'economia, deregolamentare tutti i mercati e distruggere il settore pubblico.

Menem, nel suo inferno di champagne, deve provare una profonda invidia.

Per l'arbitrarietà nel governo, Milei ha l'aiuto della legge. Nel 2006, il parlamento ha votato per regolamentare il processo parlamentare dei decreti di necessità e urgenza, una legge in sospeso dalla riforma costituzionale del 1994.

La storia dei decreti è semplice: tutti i governi li usano e li hanno usati, ma con intensità diversa. Tra il 1853 e il 1983 furono sanzionate 25 DNU. Menem ne ha firmati 545 in 10 anni. Finora è stato superato solo da Néstor Kirchner che ha portato la media a più di sessanta all'anno, firmandone 270.

Il problema con il decreto Milei non è il decreto in sé, ma il fatto che modifica un numero enorme di questioni di cui nessuna giustifica la necessità o l'urgenza nei termini stabiliti dalla Costituzione, e che di fatto funzionano insieme come una riforma generale. dello Stato.

Di fronte a questa situazione, i giudici del tribunale vanno in vacanza aspettando che altri giocatori giochino: giudici di primo grado e cameriere, ma soprattutto deputati e senatori. Ciò che ci si aspetta, più che risolvere la legittimità del decreto, è negoziare politicamente la riforma dello Stato. Sembra che la necessità e l'urgenza del decreto non abbiano toccato la magistratura.

Le nostre istituzioni democratiche e repubblicane non sembrano disporre di meccanismi efficaci per fermare in tempo l'arbitrarietà di un presidente che assume poteri legislativi e avvia una profonda trasformazione della legislazione nazionale per decreto e capriccio.

Ciò non solo riflette la debolezza delle nostre benedette istituzioni repubblicane, ma riafferma anche che le questioni fondamentali del conflitto sociale non possono essere risolte attraverso la legge. Se Milei fa quello che fa è perché può. E se può è perché nessuno lo ferma.

La lotta operaia si chiama lotta e lavoratori. Questo perché la società è divisa in classi con interessi antagonisti che non si risolvono amichevolmente o con dibattiti parlamentari. La legge della fantasia funziona più o meno bene quando i benefici secondari della negoziazione superano il rischio e lo sforzo di mantenere uno scontro permanente, soprattutto se nessuna delle parti ha ottenuto la vittoria. Ma finché persiste la contraddizione, questa situazione è temporanea, e poiché la contraddizione è tipica del sistema economico, ciò che viene realizzato dal diritto sarà sempre subordinato alla forza che ha la classe operaia per tenere a bada i continui tentativi del potere. la classe che possiede ingrassa il reddito con la magrezza dello stipendio.

I lavoratori devono fare i conti con il fatto che non possiamo fare affidamento sulla legislazione del lavoro per ottenere qualcosa che assomigli alla giustizia, né qualcosa che assomigli alla pace della mente. Quando le cose sembrano trovare una strada (buona o cattiva ma

nessuna) le acque si agitano di nuovo. Di fronte alla crisi scendiamo in piazza, entriamo in contatto con le organizzazioni e ci attiviamo, indignati dall'ingiustizia e dall'audacia dei rappresentanti, sperando che le cose si sistemino, in qualche modo, sognando un mondo che funzioni come si suol dire funziona. , in cui le istituzioni si prendono cura di noi e possiamo vivere un po' più tranquilli. Ma questo non funziona. Un sistema ingiusto porterà sempre con sé il conflitto che lo determina. No. Puoi infilare la testa in un buco e nasconderti dalla realtà.

Quando le organizzazioni della classe operaia vengono politicizzate e stabilite come istituzioni permanenti destinate alla negoziazione delle condizioni di lavoro, diventano uno strumento di governo e finiscono per funzionare come dipartimenti di Stato. Il concetto di classe operaia si confonde con quello di identità nazionale, riconosciuta e amministrata dallo Stato, e costitutiva, quindi, dell'ordine sociale. La lotta diventa una negoziazione delegata a una leadership accomodante e un abbonamento mensile ai servizi sindacali. Questo è ciò che viene chiamato conciliazione di classe.

In altre parole, viene abbandonata l'idea di risolvere radicalmente i conflitti che si ripresentano continuamente, mostrando l'ingiustizia del sistema sociale la cui disuguaglianza si vede nella contraddizione materiale e simbolica tra proprietari e diseredati.

Ciò che stiamo vivendo ora è la conseguenza dell'aver rinunciato alla lotta operaia a favore di organizzazioni politiche che rivendicassero i lavoratori per negoziare le condizioni del loro saccheggio. Il risultato è tristemente evidente: oggi i dirigenti sindacali, lungi dal considerare l'abolizione del capitalismo, negoziano l'attuazione di una deregolamentazione dei mercati e la conseguente concentrazione della ricchezza in cambio della conservazione di alcuni dei propri privilegi.

Questa resa è nota negli ultimi anni come lo è stata negli anni 90. La demolizione delle ferrovie e il passaggio di consegne delle aziende pubbliche, con decine di migliaia di licenziamenti a livello nazionale, si accompagnarono in quegli anni al silenzio complice del sindacalismo che accompagnò la campagna di Menem. Governo peronista nella deregolamentazione ed esterializzazione dell'economia locale. Negli ultimi anni la leadership sindacale ha accompagnato anche la caduta dei salari e il disordine dei conti pubblici di proporzioni folli. Oggi speculano in sintonia con il Parlamento mentre Milei avanza nella stessa direzione di Menem, ma a una velocità frenetica e con l'ambizione di andare molto oltre.

Menem è entrato in carica con la promessa di alti salari e di una rivoluzione produttiva. Erano tempi molto duri in cui l'economia del governo Alfonsín era crollata, moltiplicando esponenzialmente la povertà negli ultimi mesi, di pari passo con l'iperinflazione. Il caso di Milei è unico perché è subentrato in una situazione critica ma non così critica, molto meno grave e urgente di quella, ma è riuscito a stabilire una prospettiva così catastrofica da ottenere l'accettazione popolare di un aggiustamento selvaggio. Milei ha anticipato l'adeguamento e non l'alto stipendio, ha annunciato un incubo e ha promesso un mondo fantastico per il quale bisognerà aspettare 40 anni.

Milei ha detto chiaramente che avrebbe distrutto la moneta fino a farla scomparire, che avrebbe privatizzato tutto ciò che è pubblico, che avrebbe deregolamentato i mercati, tolto i compensi e altri diritti dei lavoratori (sempre meno massicci, da parte modo) e finanziare la riattivazione con la competitività dell'economia, cioè con la caduta dei salari, la precarietà del lavoro e un aumento della produttività di cui beneficerebbe la classe possidente. Per la prima volta nella storia, una folla in piazza, il giorno del suo insediamento, ha cantato a favore dell'adeguamento e dell'autorità di polizia, scandendo "non ci sono soldi", "motosega" e "polizia".

Una proposta del genere sarebbe stata respinta completamente in qualsiasi altro momento della nostra storia.

C'è qualcosa di una profezia che si autoavvera in tutto questo. Milei ha spinto l'inflazione dal 12% mensile al 30% in un mese. Se tutto andrà bene e non ci sarà un'escalation iperinflazionistica, nei mesi successivi si avrà un'inflazione simile spinta dall'aumento delle tariffe e dei servizi. In questo schema, l'unica forza in grado di rallentare l'inflazione è il raffreddamento dell'economia, cioè la recessione. Tutti i segnali convergono in un grave aumento della povertà e nel generarsi di una situazione veramente critica per i lavoratori.

Se il progetto Milei avanza, ciò che ci aspetta è peggiore di quello che abbiamo vissuto negli anni 90. La distruzione dell'apparato produttivo e la deregolamentazione dogmatica dell'economia avranno un impatto molto grave sulla capacità economica della classe operaia e sulle nostre condizioni . della vita. Se Milei riuscirà ad arrivare alla dollarizzazione (e c'è chi dice che l'abbia già avviata) creerà un condizionamento generale dell'economia dal quale sarà molto difficile e traumatico uscire. In un contesto del genere non possiamo fidarci della leadership sindacale e dei rappresentanti del popolo. È necessario creare e promuovere l'organizzazione del lavoro al di fuori dell'orbita dei partiti politici e dei leader aziendali.

È necessario unire le forze nella creazione di un movimento operaio capace di affrontare la devastazione economica e sociale che sta arrivando. È la necessità imperativa di costruire organizzazioni veramente operaie in cui i lavoratori possano prendere le redini del proprio destino. È una necessità storica che ci viene imposta oggi come un'emergenza. Oggi la necessità è diventata urgenza.

https://organizacion-obrera.fora.com.ar/2024/01/08/necesidad-y-urgencia/

   

Non Una Di Meno!

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 04 Dicembre 2023 15:10 Scritto da Sandro Lunedì 04 Dicembre 2023 14:44

Mercoledì 6 dicembre, h.19.30 al Can8ere, via Monte Rosa 84 Milano

Assemblea pubblica per la costruzione della mobilitazione del 16 dicembre:
scendiamo in piazza a Milano:

Non Una Di Meno!

Dopo la potenza di questo 25novembre abbiamo deciso che è il momento di rilanciare ancora più forte e con;nuare il moto della marea dove si sono riversate più di 500mila persone.

Non possiamo aspettare lo sciopero globale contro la violenza sulle donne e di genere dell'8 Marzo, la nostra rabbia non può attendere.
Non Una di Meno rivolge un appello a tu?e le organizzazioni, le associazioni, i gruppi le colleGve, i laboratori, le realtà e le singole femministe e transfemministe di Milano:

organizziamo insieme la manifestazione del 16 Dicembre, che si svolgerà a Milano e in contemporanea con tutte le altre città d'Italia.

Invi;amo tutt* all'assemblea pubblica di mercoledì 6 dicembre alle h.19.30, presso il centro sociale Cantiere, via Monterosa 84.
Vogliamo discutere insieme dei contenu; da portare in quella giornata.

Dal contrasto capillare alla cultura dello stupro per trasformare la società, alla prevenzione della violenza nei luoghi della formazione.
Dall'importanza dei Centri Antiviolenza, alla lotta alla violenza economica per un reddito di autodeterminazione universale.
Dalla libera autodeterminazione di tutti i corpi queer al boicottaggio delle lobbycafofondamentaliste.
Dalla rivendicazione dei diritti fondamentali in Italia, fino al rifiuto di ogni guerra e del genocidio in corso in Palestina.
Vogliamo costruire alleanze e intersezione delle lotte.

Ci vediamo mercoledì!
...Ingovernabili!
Non Una Di Meno Milano

Di seguito il calendario in avvicinamento al 16 dicembre:

????mercoledì 6 dicembre h.19.30 @ Cantiere: assemblea pubblica cittadina, aperta a tutt? l singoli/e, le collettive e le organizzazioni della Milano transfemminista. Organizziamo insieme il 16 dicembre.

????venerdì 8 dicembre: volantinaggio di massa in piazza Duomo. Quest’anno sotto l’albero, troverete solo la nostra rabbia. La violenza domestica non va in vacanza, anzi.

????domenica 10 dicembre dalle 11 @ Casa delle Donne: laboratorio aperto del tavolo scuola e formazione di Non Una di Meno Milano! prepariamo insieme i materiali per le assemblee, gli incontri e le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado: la formazione è la migliore arma di prevenzione della violenza.

????mercoledì 13 dicembre h.19.30 @ Casa delle Donne: assemblea di Non Una Di Meno Milano

????sabato 16 dicembre: Non Una Di Meno! Contro ogni forma di violenza patriarcale. corteo cittadino, nella giornata di mobilitazione nazionale.

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

   

Pagina 7 di 139