Nibirumail Cookie banner

Carola Rackete è libera.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

  • Questa è la decisione del GIUDICE.
  • Va bene.

Vorremmo che queste decisioni i Giudici l'applicassero anche quando il sindacalismo di base e autogestionario difendono i diritti dei più deboli, i lavoratori !

Non è sempre così !

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

  • Carola Rackete è libera.

Non ha violato leggi, non ha commesso abusi.

La notte del blitz nel porto di Lampedusa non doveva essere fermata.

Ci vuole una giornata intera di riflessioni per il giudice Alessandra Vella, ma in serata la decisione arriva.

È un’ordinanza che smonta completamente l’ipotesi della procura, la ribalta, la cancella.

Carola è libera e può andare, da subito, dove vuole.

  • Il decreto sicurezza bis, ha sentenziato il gip, non può essere applicato nelle situazioni di salvataggio.
  • E questa lo era.

Non c’è stato il reato di resistenza e violenza a nave da guerra: la motovedetta delle Fiamme Gialle non lo è.

C’è stata, sì, una resistenza a pubblico ufficiale, per non aver rispettato tre volte l’alt della Finanza, ma è giustificata «dall’adempimento di un dovere: salvare vite umane in mare».

Ancora, sostiene il giudice, la scelta del porto di Lampedusa non è stata strumentale ma obbligata: non è possibile ritenere i porti della Libia e della Tunisia scali sicuri.